Home

La Piadina Romagnola IGP vola al Summer Fancy Food 2023 di New York

#
8 Agosto 2023

[vc_row][vc_column][vc_single_image image=”825″ img_size=”130×85″ alignment=”center”][vc_column_text css=”.vc_custom_1691662759566{background-color: #ffffff !important;}”]

SUMMER FANCY FOOD 2023

24-27 GIUGNO 2023

[/vc_column_text][vc_empty_space height=”10″][vc_single_image image=”1665″ img_size=”760×225″ add_caption=”yes” alignment=”center”][vc_empty_space height=”10″][vc_column_text]Anche la Piadina Romagnola IGP protagonista a New York al Summer Fancy Food 2023, la più importante fiera di tutto il Nord America dedicata all’agroalimentare di qualità e all’innovazione del settore.

Riflettori accesi sulla Food Valley emiliano-romagnola, che con i suoi prodotti Dop e Igp.

Uno degli appuntamenti al centro della nuova missione istituzionale della Regione negli Stati Uniti, che si è svolta dal 24 al 27 giugno, guidata dal presidente Stefano Bonaccini, con la partecipazione dell’assessore all’Agricoltura e agroalimentare, Alessio Mammi, la presenza di 13 Consorzi dei prodotti Dop e Igp, Enoteca Regionale e trenta aziende del territorio del settore alimentare e vinicolo.

Una missione necessariamente contenuta nei tempi per le tante necessità collegate al post alluvione (i diversi appuntamenti saranno di fatto concentrati in poco meno di tre giorni), ma non nell’impegno per rafforzare le relazioni delle imprese con un’area tra le più avanzate: quella della Grande Mela e dell’East Coast. A partire dalla Pennsylvania, lo stato Usa con cui l’Emilia-Romagna ha in corso un accordo di collaborazione quinquennale.

Un impegno tanto più necessario ora, per promuovere export e internazionalizzazione del sistema produttivo e sostenere anche in questo modo la ripartenza.

Food, dunque, ma anche scienze della vita, biomedicale e manifattura avanzata al centro di un’agenda che avrà uno dei suoi momenti principali nell’incontro tra il presidente Bonaccini e David Briel, viceministro allo Sviluppo e affari internazionali del Governo della Pennsylvania. L’occasione – a un anno esatto dalla firma – per fare il punto sui progetti condivisi con uno Stato che rappresenta una punta avanzata nei settori della innovazione in campo sanitario e biomedicale, agricolo e tecnologico.

Tra le iniziative in programma anche l’incontro con la comunità italiana a New York: imprenditori, ricercatori e membri della National Italian American Foundation (Niaf), l’organizzazione che riunisce i più autorevoli rappresentanti della comunità di origine italiana.

L’Emilia-Romagna e i suoi prodotti al Summer Fancy Food

Taglio del nastro domenica 25 giugno per la Fiera, a cui ha fatto seguito l’inaugurazione del Padiglione Italia e soprattutto dello stand della Regione Emilia-Romagna al Summer Fancy Food di New York, con l’apertura di una forma di Parmigiano Reggiano serigrafata per l’occasione. Giunta alla 67^ edizione, la fiera ha visto la partecipazione di migliaia di produttori, acquirenti, intermediari, distributori e altri professionisti del settore. Le eccellenze enogastronomiche Made in Emilia-Romagna saranno al centro di un intenso programma di show cooking e incontri, con la collaborazione della scuola di Alta Cucina Alma di Colorno (Pr), dell’Associazione I love Italian Food, e presso Eataly Flatiron New York con la partecipazione dello chef stellato Massimo Bottura, che ha illustrato a giornalisti e ristoratori newyorkesi il valore dei prodotti DOP e IGP della nostra Regione.

Una trentina le realtà emiliano-romagnole che hanno scelto di essere presenti con un proprio spazio in Fiera, assieme alla Regione. Oltre ai 13 Consorzi con i loro prodotti Dop e Igp, acetaie, caseifici, salumifici, aziende produttrici di Piadina, prodotti da forno, farine, pasta, conserve di pesce, di pomodoro e ortofrutticole.

I prodotti Dop e IGp dell’Emilia-Romagna

Con i suoi 44 prodotti Dop e Igp – record italiano ed europeo – l’Emilia-Romagna si colloca al primo posto in Italia per valore alla produzione di 3,11 miliardi euro quasi il 40% del valore nazionale. E che sfiora i 3,6 miliardi considerando anche la produzione vinicola. Sul podio il Parmigiano Reggiano Dop, che rappresenta oltre la metà del valore regionale, il Prosciutto di Parma Dop, l’Aceto Balsamico di Modena Igp. Per queste Dop e Igp è molto rilevante anche la quota destinata all’esportazione, che rappresenta il 91% per l’insieme degli aceti balsamici Dop e Igp, il 30% per il Parmigiano-Reggiano, per fare solo due esempi. Le imprese regionali agroalimentari aderenti ad almeno una filiera delle 44 Dop-Igp sono 5.834.

[Fonte Comunicati Regione Emilia Romagna]

Comunicato 1

Comunicato 2

Comunicato 3

Comunicato 4[/vc_column_text][vc_empty_space height=”10″][/vc_column][/vc_row]

Condividi